Ristorazione green: cos’è lo “zero waste” e come rendere il tuo ristorante più sostenibile

Torniamo a toccare uno dei temi più discussi in questo periodo: la ristorazione green. Quali sono le ultime frontiere per la sostenibilità di un ristorante e cos’è la cucina “zero waste”? Ve ne parliamo in questo articolo.

ristorazione green

Eccoci di nuovo a discutere di un tema di importanza cruciale per chi ha un’attività di ristorazione, quello della sostenibilità e delle diverse pratiche per gestire un locale quanto più possibile green. Sono tanti i ristoranti che hanno deciso di sposare questa causa e che hanno fatto dell’impegno contro gli sprechi alimentari ed energetici, una delle proprie bandiere. Parliamo di attività comuni, ma anche di rinomati stellati  come quello di Massimo Bottura e di Dan Barber. Per non parlare dell’ultima trovata di Douglas McMaster, ovvero la cucina “zero waste”. Di cosa si tratta e quali sono le principali azioni da intraprendere per un’attività di ristorazione green?

Scopriamolo subito e non esitate a contattarci per consigli mirati sul vostro ristorante.

SCOPRI I NOSTRI SERVIZI

Ristorazione green: la cucina “zero waste” di Douglas McMaster

Douglas McMaster è uno chef inglese, che sta diventando famoso non solo per qualità delle sue preparazioni, ma anche per il suo impegno nel trovare il perfetto connubio tra alta cucina e la completa assenza di sprechi. Il suo ristorante più famoso si trova a Brighton e si chiama Silo. Ed è qui che McMaster ha ideato la sua cucina “zero waste”, che prevede un utilizzo delle materie prime finalizzato a non creare il minimo impatto ambientale.

Tutti gli ingredienti da lui utilizzati, infatti, sono locali, coltivati a Km 0 e consegnati senza packaging. I loro rifiuti, poi, finiscono direttamente in una compostiera industriale; mentre l’arredamento del suo locale e i piatti provengono da materiali riciclati.

Il ristorante di McMaster è sicuramente uno degli esempi più virtuosi per quanto riguarda la ristorazione green, ma anche voi potete rendere il vostro ristorante più sostenibile attraverso una serie di piccoli ma fondamentali accorgimenti. Eccone alcuni!

ristorazione green

Ristorazione green: utilizzate utensili e servizi eco-friendly

I materiali sono fondamentali per avere un’attività di ristorazione green. Se siete ancora in tempo per decidere l’arredamento del vostro ristorante, prendete ispirazione da McMaster e cercate di scegliere materiali riciclati e a impatto zero sull’ambiente. Lo stesso vale per il servizio e per tutto ciò che viene utilizzato in cucina, compresi i prodotti per effettuare le pulizie. Oltre a prediligere utensili provenienti da materie riciclate, prestate molta attenzione ai materiali biodegradabili e sceglieteli sempre laddove potete. Per quanto riguarda i prodotti per pulire, invece, prestate sempre attenzione ai componenti ed evitate quelli chimici particolarmente dannosi, come il cloro e l’ammoniaca.

Ricordatevi che un’attività di ristorazione green può salvare da sola ben 20.000 alberi l’anno!

ristorazione green

Ristorazione green: scegliete matere prime locali e proponete un menù stagionale

Una delle pratiche più facili da adottare e anche tra le più divertenti. Scegliere materie prime locali, oltre a fare un’ottima pubblicità al vostro ristorante, vi permetterà di entrare in contatto e stringere collaborazioni con tante attività agricole intorno a voi e assicurarvi i migliori prodotti presenti nella vostra zona. Dalla verdura ai prodotti di origine animale, scegliere il Km 0 vi aiuterà ad adottare una ristorazione green, garantendovi anche materie prime fresche e di alta qualità.

ristorazione green

Una volta compiuta questa scelta, il secondo passo è giocare con un menù il più possibile stagionale, per permettervi di utilizzare gli ingredienti a seconda della loro stagionalità e attirare i clienti proponendo specialità diverse per ogni stagione. Se volete sapere di più sull’importanza di menù stagionale, ecco un nostro approfondimento sul tema:

Benvenuto autunno: ecco i segreti per arricchire il tuo menù stagionale

ristorazione green

Ristorazione green: coinvolgete i vostri dipendenti in un programma di riduzione dei rifiuti

Prevenire è meglio che curare. E se è vero che esiste una raccolta differenziata e che potrete riciclare i vostri scarti, è anche vero che diminuire il più possibile la loro produzione sarà una mossa ancora più vincente per avere un’attività di ristorazione green. Un buon metodo è creare un programma che vi aiuti a capire quando e perché consumate più scarti alimentari, per cercare di eliminare il problema.

Chiedete ai vostri dipendenti di segnare, quotidianamente, quali alimenti buttano più frequentemente e perché. C’è per caso un piatto sul menù che viene consumato di meno in alcuni giorni specifici o a seconda della fascia oraria della giornata? Fate meno preparazioni, per evitare di dover buttare gli scarti. Se dovesse risultare difficile entrare in questo tipo di schema, allora considerate seriamente l’idea di donare il cibo avanzato a fine servizio e assicurarvi che possa nutrire persone meno fortunate, riducendo gli sprechi e aiutando il prossimo.

Se volete approfondire il tema della ristorazione green, non esitate a contattare i nostri professionisti scrivendoci all’indirizzo info@bee-connection.com!

SCOPRI I NOSTRI SERVIZI

ristorazione green