Quattro tipi di Wine Hunter che avete incontrato almeno una volta nella vita. Tu quale sei?

Snob, secchioni, stravaganti o salutisti? Diciamoci la verità: se anche voi frequentate assiduamente fiere ed eventi di vino, non potete non rientrare in una di queste categorie. Ecco quindi una piccola guida per scoprire i quattro tipi di Wine Hunter che popoleranno l’evento del 2 e 3 dicembre all’Acquario Romano: voi quale siete?

Anche quest’anno, il WineHunter Roma, attirerà una folta schiera di amanti del vino, curiosi in cerca di nuove cantine da scoprire e attenti specialisti del gusto. Cacciatori di vino pronti a tirare fuori i calici e ad assaporare il meglio delle etichette italiane premiate dal Merano WineFestival. Se anche voi vi sentite un po’ Wine Hunter e non vedete l’ora di partecipare a questa nuova avventura enologica, non vi resta che scoprire quale tipo di cacciatore di vino siete e quali sono le altre categorie di appassionati che incontrerete all’evento!

Il Wine Hunter Snob

Misterioso, affascinante e all’apparenza diffidente, il Wine Hunter Snob sa il fatto suo e ha tutta l’intenzione di darlo a vedere. Acuto osservatore, è fermamente intenzionato a non lasciarsi abbindolare da packaging accattivanti o da sommilier sorridenti: è in cerca del meglio e non lascerà l’evento prima di averlo trovato. Come riconoscere un Wine Hunter Snob? Non ci sono dubbi: questo tipo di cacciatore di vino passerà le ore a perlustrare le etichette che hanno ricevuto il riconoscimento Platinum!

 

Il Wine Hunter Secchione

Inutile dirlo, il vino è la sua materia e il suo secondo nome Wine-Stein. Se pensate di sapere tutto su terroir, vinificazione, denominazioni DOC, DOCG, IGT, IGP, il Wine Hunter Secchione vi stupirà con approfondimenti, riferimenti storici e ultimi dibattiti di cui il mondo è all’oscuro (tranne lui ovviamente). Dove trovarlo? Il Wine Hunter Secchione è facile da riconoscere: vi basterà seguire la folta schiera di curiosi pronti a prendere appunti sulle ultime nozioni enologiche che lui starà dispensando in un angolo.

 

Il Wine Hunter Stravagante

A metà tra un signorotto dell’Ottocento e un dandy moderno, Il Wine Hunter Stravagante non dimentica mai di indossare il migliore dei suoi outfit prima di partecipare a una degustazione. Per lui il vino non è solo una questione di gusto, ma anche (e soprattutto) di stile. Raffinato e sicuro di sé, non perde tempo a mostrare la sua posa migliore per riconoscere un buon vino e studiare attentamente l’aspetto estetico di una bottiglia. Il Wine Hunter Stravagante non passa inosservato e sarà facile da riconoscere, ma se non riuscite a trovarlo perché troppo intenti a specchiarvi nel vostro calice di vino… be’, forse siete proprio voi!

 

Il Wine Hunter Salutista

Per lui non esistono premi, etichette o riconoscimenti perché il Wine Hunter Salutista si avvicinerà alle aziende vitivinicole con una sola domanda: “È biologico?”. La sua missione è chiara: trovare il vino più etico possibile e per raggiungere il suo scopo è disposto a mettere al torchio produttori e rappresentanti con incessanti domande se emissioni di CO2 o sull’utilizzo di materiali rinnovabili. Come riconoscerlo? Quando avrà scoperto la sua cantina preferita, sarà lui a trovare voi per consigliarvela con entusiasmo.

In quale tipo di Wine Hunter vi riconoscete? Se siete veri amanti del vino, una cosa è certa: non potete mancare il 2 e 3 dicembre all’Acquario Romano per scoprire le eccellenze vitivinicole 2017 del Merano WineFestival!

Per info e biglietti clicca qui.